ombra

Alla scoperta della Fortezza di Fenestrelle

Alla scoperta della Fortezza di Fenestrelle

La storia d'Italia è costellata di scontri, battaglie ed invasioni, e la testimonianza di un passato così burrascoso e tormentato è rintracciabile nei resti dei forti militari sopravvissuti al passare del tempo. Un esempio importante di quanto stiamo dicendo è rappresentato dalle valli di Chisone e Germanasca, a pochi chilometri da Torino, per anni linee di frontiera con la Francia. Qui infatti si conservano numerosi monumenti al passato bellico italiano. Tra tutti, oggi scegliamo di parlare della Fortezza di Fenestrelle, un sito assolutamente unico nel suo genere.

Chiamata anche "la grande muraglia piemontese", questa struttura complessa e articolata si origina dall'unione di tre forti (il forte San Carlo, Tre Denti e Delle Valli), sette ridotte, due batterie, venti risalti, polveriere, cannoniere e magazzini, tanto da risultare nel suo insieme disposta su un dislivello di ben 650 metri. Voluta da Re Vittorio Amedeo II, la fortezza era stata pensata per ergersi a difesa del Piemonte dagli attacchi dei francesi, ma per un motivo o per l'altro (forse proprio grazie alla sua imponenza, capace di scoraggiare in partenza ogni tentativo di attacco nemico) non fu mai coinvolta in battaglia e nemmeno un colpo venne mai sparato contro le sue mura, tanto da essere convertito in seguito in un campo di detenzione per gli oppositori dell'unità di Italia.

Imponente e affascinante, il Forte di Fenestrelle resta senza dubbio un luogo tutto da scoprire, lasciandosi magari aiutare da uno dei moltissimi itinerari che è possibile seguire. Tra i tanti ti segnaliamo "La passeggiata Reale", uno dei più ricchi che propone un tour completo della Fortezza, rigorosamente a piedi per assaporare meglio i ricordi e le pagine di storia che si nascondono dietro ogni angolo. Per cui armati di buona volontà, non lasciarti scoraggiare dal dislivello e affronta la Scala Reale e i suoi 3000 gradini, che la fanno estendere per circa 2 km! Quindi concediti un'esplorazione completa del Forte San Carlo: attraversa la Piazza d'Armi, il Palazzo del Governatore, la Chiesa, la Porta Reale e il Padiglione degli Ufficiali, dove trova spazio anche il museo del 3° Alpini.

Insomma, concediti un tuffo nel passato ed esplora in lungo e in largo una delle strutture fortificate più grandi d'Europa: un'occasione per fare quattro passi all'aria aperta, in particolare durante la bella stagione, in un contesto decisamente fuori dal comune.

Vota questo articolo
Rating : 0.0
(ancora nessun voto)

di: Personal Dreamer