ombra

Fit Rugby: il team building che aiuta le aziende a diventare una squadra

Fit rugby, un nuovo format per fare squadra all'interno dell'azienda

Conoscere meglio se stessi e le persone con cui condividiamo le giornate di lavoro, trasformandoli da colleghi a compagni di squadra, con i quali raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi: è questo lo scopo del fit rugby, un format ideale per rendere il team aziendale molto più affiatato.

l fit rugby si basa sui principi che regolano lo sport della palla ovale. Attività di gruppo per antonomasia, sa combinare e mettere assieme personalità dalle fisicità diverse, con caratteristiche e competenze differenti, dando vita ad un gruppo che sa muoversi in maniera coesa e coordinata. Questo sport ha il pregio di saper mettere in luce il valore di ciascun componente della squadra, facendolo sentire unico e indispensabile per la buona riuscita della partita. Affermare la propria individualità nel rugby, inoltre, permette di ottenere vantaggi e miglioramenti a beneficio dell'intero gruppo. Allo stesso modo, dal mondo dello sport a quello del lavoro, per portare a buon fine un progetto professionale è importante che ogni componente del tessuto aziendale nutra sicurezza e fiducia nelle proprie potenzialità e sappia interagire in modo sereno e positivo con i colleghi.

Proprio per la grande possibilità di miglioramento collettivo che questa attività fisica offre a chi la pratica, sono sempre più numerose le aziende che scelgono di uscire dall'ufficio e di mettersi alla prova con una giornata di fit rugby. I corsi di team building si svolgono nell'arco di una giornata di lavoro, una durata limitata ma allo stesso tempo sufficiente per apprendere le basi del rugby e per reinterpretarle nell'ottica del “fare squadra”. Il semplice creare una mischia, una delle più celebri fasi di gioco, richiede da parte di tutti i componenti coordinazione, sincronizzazione di obiettivi e sforzi per raggiungerli.

Grazie al fit rugby avrai non soltanto l'occasione di mettere in discussione prima di tutto te stesso, superando la paura del giudizio o dell'insuccesso, ma anche di misurarti con una logica aziendale diversa da quella ordinaria, secondo la quale sono le regole etiche di condivisione e accordo a rendere vincente la squadra.

Vota questo articolo
(ancora nessun voto)

di: Personal Dreamer