ombra

Il giudizio verso gli altri: un'arma sempre carica che porta allo scontro

Il giudizio verso gli altri: un'arma sempre carica che porta allo scontro

Troppo spesso diamo per scontati una molteplicità di comportamenti solo perché "tutti lo fanno". Il pregiudizio fa parte del senso comune, quindi appartiene a quel modo di pensare che attiene a una cultura, o a una famiglia, e inconsapevolmente plasma il modo di vedere delle persone e di interpretare il mondo.

Ormai ci siamo abituati ad assaggiare cucine esotiche, mangiamo il pesce crudo circondato da riso bianco, il pollo piccante con le mandorle ma, spesso, inorridiamo di fronte al vicino che ha troppi figli o non ne ha proprio. Siamo incantati davanti a documentari di paesi lontani con usi e costumi così diversi dai nostri, ma non ci fidiamo di quel giovane che non può essere un dottore perché è straniero. Dialogare per scoprire che cose apparentemente tanto strane non sono così incomprensibili, è un ottimo esercizio per il cervello e per l'anima.

Imparare ad ascoltare, chiedere quando non si capisce, è il miglior modo per rimanere giovani. Scoprire nuovi punti di vista non è necessariamente abbracciare nuove idee o ideologie. Ascoltare le motivazioni degli altri e riflettere sulle loro ragioni non trasforma le nostre verità in falsità, ma permette il vero dialogo. Le abitudini troppo rigide sono nocive sia per il corpo, sia il pensiero. Un buon dialogo, dove ci si confronta con l'altro, dove si mettono a confronto le idee per verificarne la loro bontà, se funzionano, è tanto salutare quanto i famosi 30 minuti quotidiani di passeggiata.

Il pregiudizio è la base di tutti i giudizi, ma poterlo dichiarare non significa annullare le proprie ragioni, ma riconoscere i propri limiti e potersi aprire anche ad altre possibilità. Il pregiudizio, quindi, può diventare paradossalmente una via di conoscenza che ci consenta di avere relazioni più autentiche, spontanee e non falsate dai preconcetti. Se si accetta di non avere la Verità in tasca, nelle nostre conversazioni possiamo porci in una posizione di ascolto in cui le frasi "è una mia opinione" o "io ritengo che" diventano momenti di apertura e di condivisione della relazione e non di esclusione.

Come affrontare convinzioni e pregiudizi radicati?

Vota questo articolo
Rating : 0.0
(ancora nessun voto)

Hai necessità di una consulenza psicologica? Non esitare a contattare i nostri esperti.

Stai attraversando un momento difficile o vuoi semplicemente soddisfare le tue curiosità su questo tema? Contattaci. Uno dei nostri psicoterapeuti ti fornirà una prima risposta gratuita via email. Se lo vorrai, potrai successivamente chiedergli di riservarti una consulenza psicologica online a pagamento.

di: Personal Dreamer