ombra

Pig Island, l’isola dei maialini che nuotano felici

Pig Island, l’isola dei maialini che nuotano felici

Fare il bagno assieme ai fenicotteri è un’esperienza che abbiamo già raccontato, ma pensare di godere di un mare purissimo e cristallino assieme a dei porcellini è qualcosa di ancor più impensabile! Eppure, se vorrete tentare un’esperienza del genere, non avete che da prenotarvi un volo per le Bahamas e visitare Big Major Cay, una delle isole di Exuma, ribattezzata per la sua caratteristica Pig Island!

Posto a dir poco sublime

L’immaginario collettivo ci descrive i maiali come animali sporchi e luridi: questo perché l’uomo li alleva così. Al contrario, su quest’isola i maiali apprezzano la sabbia bianca e le acque cristalline delle Bahamas e dell’oceano! Per condurre una vita degna della vacanza più esclusiva, diversi suini si sono “trasferiti” sull’isola, sebbene non si sappia chiaramente ancora oggi come vi siano approdati, visto che non vi risiedono esseri umani. I turisti che approdano qui stentano a credere ai propri occhi, perché la spiaggia è disseminata di maialini che si godono il sole, mentre altri sguazzano tra le acque placide del Mar dei Caraibi e accolgono festosi le imbarcazioni.
Infatti, Pig Island (o Pig Beach) è disabitata dagli esseri umani: qui potrete trovare solo qualche decina di suini, snelli e tonici, qualche capra e alcuni gatti randagi. Un paradiso sperduto tra acque trasparenti, la cui tranquillità viene sporadicamente sospesa per l’arrivo di barche di turisti: i maialini nuotano incontro a esse, ignari del destino che accompagna i loro simili da allevamento, si mostrano rilassati e quasi compiacenti, perché hanno imparato che “visitatore significa cibo”!

Come hanno fatto dei suini a finire su un’isola deserta?

Ci sono delle dicerie che tramandano una storia: i primi porcellini vennero lasciati sull’isola decenni fa come “provvista” da alcuni marinai, che pensarono di non tenerli a bordo e di sfruttare il loro recupero (trasformandoli in cibo!) per quando la nave avrebbe fatto ritorno. Però, questa storia racconta che la nave non tornò più, abbandonando i suini al loro felice paradiso.
Un’altra versione della leggenda spiega che i maiali erano stivati in un mercantile che, naufragato nei pressi delle isole Exuma, affondò rapidamente: gli animali sarebbero quindi dei naufraghi che si misero in salvo raggiungendo la spiaggia più vicina, Pig Beach, per l’appunto.
Arrivati in questo piccolo paradiso terrestre, i porcellini hanno presto imparato a nutrirsi di arbusti e radici locali e degli avanzi gettati dalle navi: se vi recederete sul posto, però, potrete notare come ora, invece, vadano direttamente a richiedere una sorta di “pedaggio” in cibo ai natanti turistici che arrivano, lasciandovi esterrefatti!

Un bel viaggio da preparare, ma ne vale la pena!

L’isola dei “maialini felici” è stata scoperta da qualche anno, o meglio la presenza degli animali è stata documentata poco tempo fa, quando un turista (si pensa vietnamita o statunitense) ha scattato alcune foto agli animali spiaggiati beatamente al sole sulla sabbia bianca, che non disdegnavano una nuotatina rinfrescante ogni tanto. Per arrivare alle Exuma, arcipelago di oltre 360 isole, e in particolare a George Town, la città più grande, occorre prendere un volo dagli Stati Uniti oppure da Nassau, capitale delle Bahamas. Da lì, numerose crociere che permettono di visitare le isole fermano alla Pig Beach, un’esperienza indimenticabile!

di: Personal Dreamer

Vota questo articolo
Rating : 5.0
(1)