ombra

Tra fiori, amore e antiche divinità: le serate a tema del ristorante President di Pompei

Tra fiori, amore e antiche divinità: le serate a tema del ristorante President di Pompei

Visitare Pompei è un'esperienza che, almeno una volta nella vita, va provata: la suggestione data dallo scoprire una civiltà urbana completamente cristallizzata e resa eterna dalla furia del Vesuvio è unica, e ricompensa di gran lunga le file in coda con i visitatori che ogni giorno affollano i siti archeologici. Forse non sai, però, che a Pompei c'è un luogo in grado di offrirti un'altra esperienza davvero emozionante, anche se per tutt'altro motivo: il ristorante President. Oltre a un ambiente riccamente e finemente arredato con mobili antichi, e a una cucina eccellente e creativa, questo ristorante, aperto da vent'anni, si è inventato una formula molto accattivante da proporre ai suoi ospiti: quella delle serate a tema. In queste occasioni vengono proposti dei menu con caratteristiche particolari, per un vero e proprio viaggio nei sapori, nella Storia, nel gusto, nei sensi.

Le serate a tema che hanno particolarmente stuzzicato l'interesse di Personal Dreamer sono tre.

Per esempio, che ne pensi di una sensuale Cena dell'Amore? Il President ti svelerà la storia e i segreti dei cibi afrodisiaci, i personaggi della storia che ne hanno fatto un'arte, per finire con uno speciale menu, da gustare sia all'interno del ristorante che tra le rovine archeologiche: passerai dalle Coppe di Venere al carpaccio di sarago e gamberi con le ostriche, dalle crespelle agli astici, il tutto innaffiato da prosecco, chardonnay e passito, per un viaggio nel gusto che aiuterà te e il tuo partner ad infiammare i vostri sensi.

E invece, cosa te ne pare di essere guidato da una delle figlie di Giove in un vero e proprio banchetto degli dei, per vivere dall'interno le loro leggende come se fossi tu stesso uno degli abitanti dell'Olimpo? È quanto ti propone la cena degli Dei. Degusterai l'ostrica di Venere, la schiuma di mare e le code di sirene, ti immergerai nel sapore dei petali di Narciso e delle punte di frecce di Eros, e onorerai Poseidone rimpinzandoti di pesce al cartoccio e patate al mirto (pianta sacra ad Afrodite), spezzando le libagioni con un sorbetto di limone all'alloro, pianta cara alla ninfa Dafne. Naturalmente non mancherà l'omaggio al dio Bacco, con una scelta accurata di vini, dalla Falanghina al Brut al Grotta del Sole.

Non meno intrigante e sensuale, anche se meno mitologica, è invece l'escursione nei sapori e nei profumi che ti offre la cena dei fiori, che il President propone per festeggiare la primavera. L'uso dei fiori in cucina è da sempre patrimonio di tutte le civiltà, dai cinesi ai romani, da Carlo Magno a Elisabetta I, fino alle nostre tradizioni popolari, se pensiamo ai fiori di zucca, al cavolfiore o allo zafferano. Il menu prevede carpaccio di cuori di carciofo e gamberi, calamaretti e scampi all'aroma di fresia, asparagi e capesante gratinate, per poi tuffarsi nell'effluvio dei petali di narciso e del risotto alle rose. Passerai quindi al profumo del mirto e del prezzemolo, che adorneranno il rombo e le patate, e alle fragole di bosco insieme a una cialda di tulipano con frutti di bosco e gelato al limone, sorseggiando Brut e chardonnay.

Un altro tipo di serate a tema che il President ti offre è quello interessantissimo delle serate storiche. Ce ne sono di diversi tipi, e una di quelle più affascinanti è quella dedicata alle Repubbliche Marinare. Un viaggio ricco di aneddoti nelle specialità culinarie di Amalfi, Pisa, Genova e Venezia. Si inizierà con la cena dedicata ad Amalfi, Ninfa amante di Ercole: un connubio di bellezza e potenza rappresentato da gamberi alla brace, mozzarella in carrozza, spaghetti e scialatelli, pesce spada, pezzoga e profiteroles al limone. Genova invece è patria delle spezie e del pesto: ecco dunque, per iniziare, la torta pasqualina, il baccalà in salsa d'agliata e le fritture di borraggine. A seguire le immancabili trofie al pesto, i pansoti con la salsa alle noci e il cappone magro, con il pandolce e le frittelle di mele, il tutto saggiamente arricchito dagli ottimi vini liguri. E via di seguito con Venezia, terra delle sardine marinate, delle capesante, della bottarga, ma anche del riso coi piselli, del baccalà mantecato e della polenta alla brace con le seppie nere, e con Pisa e le sue saporite specialità.

Ancora: un gemellaggio tra gastronomia e archeologia è quello proposto dalla serata Le Lune di Pompei: una splendida unione tra la visita notturna agli scavi archeologici e la degustazione di cibi correlati, legati alle usanze culinarie degli abitanti di Pompei, il tutto con un cicerone che vi illustrerà le usanze di quella civiltà e dei video che ne raccontano la vita quotidiana.

Ce n'è davvero per tutti i gusti e per tutte le curiosità, dunque, al President. Cosa aspetti a programmare un viaggio a Pompei e unire gusto, storia e bellezza? Clicca immediatamente sul sito ufficiale e preparati ad assaporare la sua... divina cucina.

di: Personal Dreamer