ombra

Votigno di Canossa: il piccolo Tibet d'Italia

Il

Il Dalai Lama stesso, in visita, ha detto: "Questo è un luogo bellissimo, ideale per riposarsi e meditare". E non poteva esserci "benedizione" migliore per Votigno di Canossa, l'antico borgo in provincia di Reggio Emilia, considerato il piccolo Tibet d'Italia. È qui, infatti, che nel 1990 è stata fondata la Casa del Tibet dal medico reggiano Stefano Dallari, la prima struttura di questo tipo sorta in Europa e l'unica presente in Italia.

Il tutto in un contesto davvero unico: Votigno di Canossa è infatti un suggestivo centro di origine medievale situato nel verde delle colline reggiane, riportato all'antico splendore, a partire dagli anni Sessanta, grazie al lavoro di artigiani e volontari provenienti da tutto il mondo, che hanno voluto dare il loro contributo per consegnare una nuova vita a una località che davvero non ha paragoni.

Una bellezza certificata anche dall'Unesco, che ha inserito questo borgo a soli due chilometri dallo storico Castello di Canossa tra le località patrimonio dell'umanità. Fortificato e nascosto dalle colline, pare che questo centro fosse il rifugio dei soldati della contessa Matilde di Canossa, i quali si riunivano qui per evitare attacchi al maniero. E le mura, la torre di avvistamento, il volto in pietra che si apre sulla piazza, così come le abitazioni e le sedi delle antiche botteghe sono ancora oggi splendide testimonianze di questo passato: basta infatti una semplice visita a Votigno di Canossa per fare un vero e proprio tuffo nella storia, quanto mai suggestivo.

In questo luogo, a creare un'atmosfera ancora più magica ci pensano le opere e le tracce della presenza dei monaci tibetani: dalle tipiche preghiere che sventolano appese a fili tesi tra gli alberi, fino al "Buddha dell'accoglienza" dipinto su una pietra all'ingresso del borgo. Una menzione la merita, naturalmente, anche il piccolo e colorato tempio buddista, in cui soffermarsi prima di dirigersi alla Casa del Tibet.
All'interno di questa struttura si possono trovare un Museo del Tibet (inaugurato dallo stesso Dalai Lama nel 1999), un tempio, luoghi per la meditazione e spazi che vengono utilizzati per incontri, workshop e seminari. E, per chi volesse rimanere a contatto con questo luogo più del tempo di una semplice visita, è possibile alloggiare nel Bed&Breakfast presente nel borgo.

Un luogo tutto da scoprire o - per chi già lo conoscesse - a cui tornare ogni volta che si senta la necessità di trovare un luogo lontano dallo stress e dalla frenesia della vita di tutti i giorni, in cui storia, bellezza e suggestioni si intrecciano in un mix davvero unico.

Vota questo articolo
Rating : 0.0
(ancora nessun voto)

di: Personal Dreamer