ombra

Floating Flower Garden: il giardino di orchidee più straordinario del mondo

Nel Floating Flower Garden ci si può immergere in paradiso fiorito

Immagina di entrare in una stanza e di essere immerso in un incredibile labirinto di fiori sospesi che, a seconda dell'avvicinarsi o dell'allontanarsi dello spettatore, fioriscono e si richiudono. Questo è il Floating Flower Garden, una delle più recenti installazioni realizzate da TeamLab, un collettivo artistico giapponese (lo stesso che ha curato lo spettacolare allestimento del padiglione del Giappone di Expo Milano 2015), che in questa composizione ha saputo intrecciare vegetazione, tecnologia e movimento e ricreare così un'interazione con l'umano che, in natura, non potrebbe mai esistere.

Questo particolarissimo giardino si compone di più di 2300 orchidee fluttuanti, i cui petali, fiori e pistilli sbocciano silenziosi e si animano alla presenza degli spettatori, permettendo loro di diventare un tutt'uno con il giardino stesso. È forse magia? In realtà, le orchidee Phalaenopsis importate direttamente dall'Olanda che compongono questo suggestivo eden botanico sono piante in grado di assorbire acqua e nutrienti senza aver bisogno del suolo. Sospese in aria, sono collegate a un sistema digitalizzato: i sensori di cui sono dotate le piante avvertono la presenza dello spettatore e lo avvolgono, per così dire, in una sorta di "bolla".

Il Floating Flower Garden è un'esperienza sensoriale, che coinvolge a 360 gradi: alla bellezza del giardino fluttuante, infatti, si aggiunge la dolcezza di una musica che accarezza l'anima. Anche l'olfatto e il tatto non vengono trascurati: in un paesaggio tanto insolito, ci si sorprenderà a considerare i profumati fiori come qualcosa di davvero vivo, da sfiorare e accarezzare.

Questo mare di fiori è stato esposto prima al Miraikan, il Museo Nazionale delle Scienze Emergenti e dell'Innovazione di Tokyo, per poi essere proposto, nello scorso settembre, al salone parigino per design e dell'arredamento.

La meraviglia assoluta di questa poetica installazione, in fondo, è tutta nel suo titolo, che potrebbe essere tradotto così: i fiori ed io abbiamo le stesse radici, il giardino ed io siamo una cosa sola. Un incontro unico, con la natura, che non smette di stupire.

Vota questo articolo
Rating : 0.0
(ancora nessun voto)

di: Personal Dreamer