ombra

Body enigmistica, un intrigante gioco di coppia

Body enigmistica, un intrigante gioco di coppia

Ecco un modo davvero originale per portare un po' di novità in camera da letto. Recupera una matita colorata, che non irriti la pelle (può essere un cosmetico come la matita per gli occhi oppure uno di quei colori specifici per il corpo che si trovano facilmente in commercio), e pensa a quello che vorresti fare con il tuo partner in una serata all'insegna della passione e della sensualità...

Puoi disegnarti sul corpo un percorso che guidi il tuo compagno attraverso le zone più sensibili ed erogene; ad esempio dal seno verso l'ombelico per poi risalire lungo la schiena fino al collo e scendere verso l'inguine... e nei punti in cui vorresti che il tuo partner si fermasse puoi disegnare un cuore (o anche un simbolo che ti piace), o ancora usare una piccola dose di panna, cioccolato o miele, da gustare per rendere tutto ancora più dolce ed afrodisiaco. E una volta che tutto è pronto non ti resta che dare il "via" al vostro gioco, e goderti gli intensi istanti in cui starà seguendo il tuo personalissimo tracciato.

Ma non è tutto: per rendere ancora più divertente il vostro gioco puoi prendere spunto dal mondo dell'enigmistica e scrivere, sotto forma di particolarissimi rebus, delle parole capaci di evocare le azioni da compiere su quella parte del corpo. Vicino al collo potresti scrivere "baciare", o vicino al seno "sfiorare", e così via. Una volta terminato il tuo turno, si possono invertire le parti e sarà il tuo partner a intrigarti con i percorsi più erogeni.

Fai attenzione anche all'atmosfera del momento, prepara tutto con cura e se cerchi una canzone da mettere in sottofondo, Personal Dreamer ti consiglia di dare un'occhiata alle più belle canzoni internazionali per un'ora di passione (qui la prima e la seconda puntata). Con un po' di fantasia e tanta passione sarà un momento di intensa intimità, che risveglierà in voi pulsioni tutte da riscoprire...

Vota questo articolo
Rating : 0.0
(ancora nessun voto)

di: Personal Dreamer